Il Carcere della Giudecca

Meraviglie di Rio Terà dei Pensieri

La cosmetica Meraviglie nasce dal progetto non profit Rio Terà dei Pensieri con l’obbiettivo di
realizzare prodotti naturali di alta qualità e di grande valore etico e sociale. Lavoriamo per restituire
dignità e speranza alle detenute che quotidianamente partecipano a questo progetto.

Un carcere diverso

Una cosmetica unica non poteva che nascere in un posto unico, il carcere femminile di Venezia. 

Il carcere femminile della Giudecca è un posto diverso da come ci si immagina una prigione: più volte ci si ritrova a pensare che è un posto bello,  e poi subito dopo a pensare che un posto così, bello non può essere. È diverso perché quasi tutte le detenute lavorano, perché c’è una sezione speciale per le madri – anche se la legge le prevede, non è facile trovarne di attive in Italia – ed è diverso perché è solo per donne. 

Nella realtà carceraria, in cui il 96% dei carcerati sono maschi e le donne sono costrette a scontare la loro pena in sezioni separate dei carceri maschili, il Carcere della Giudecca, è uno dei cinque carceri esclusivamente femminili presenti in Italia.  Questo significa che qui le detenute trovano un ambiente pensato per loro.

La Casa di reclusione si trova in un antico monastero fondato nel XII secolo. Poco dopo il 1600 divenne un ospizio gestito dalle suore per prostitute “redente” e diede il nome alla calle dove ancora oggi si trova l’entrata principale: delle Convertite. Le suore ricevettero nel 1859 dal governo austriaco l’incarico di gestire le carceri. All’epoca, la Madre superiora era anche la direttrice. 

Nel carcere della Giudecca, che può accogliere fino a cento donne, le detenute intraprendendo ognuna un percorso diverso nel cammino verso la rieducazione, la riabilitazione e la libertà: possono studiare, fare attività ricreative e lavorare, secondo quanto previsto dalla  legge, in particolare per quanto riguarda il lavoro, per cui le donne possono essere impiegate in lavori domestici, manutenzione ordinaria, lavanderia, e sartoria, spiccano il laboratorio di cosmetica e l’orto. 

Le detenute in queste due attività collaborano con la cooperativa sociale Rio Terà dei Pensieri, e creano il cuore di quella che è la nostra passione e la nostra attività: la cosmetica naturale Meraviglie.

Grazie al lavoro svolto nell’orto e nel laboratorio di cosmetica, le detenute hanno la possibilità di allontanarsi per qualche ora dalle loro celle e dalle preoccupazioni, e possono recuperare gradualmente quella dignità e quel senso di fiducia e speranza fondamentali per affrontare il ritorno alla libertà. L’investimento sulla formazione personale e lavorativa è una componente fondamentale e irrinunciabile della proposta trattamentale diretta alle donne detenute. 

Clicca qui se vuoi sapere di più sulle attività della cooperativa.